Aggiunta di un disco ad una macchina linux con lvm

LVM è il gestore logico dei volumi di Linux e permette di manipolare le partizioni visibili dal sistema operativo indipendentemente dai dischi fisici utilizzati.

Se aggiungiamo un disco fisico ad una macchina (fisica o virtuale) e vogliamo configurare una partizione che domani deve poter essere espansa o replicata è buona norma configurare sul nuovo disco una partizione LVM.

Premesso che una partizione logica può essere creata utilizzando più dischi, in questo caso studiamo la situazione più semplice: quella in cui l’esigenza è quella di creare su un unico disco un’unica partizione e montarla su una cartella specifica.

L’operazione, seppure delicata come qualsiasi operazione da effettuare sul filesystem, è molto semplice. Vediamo qui i principali passi nel caso di una macchina virtuale Hyper-V o VMWare.

1 – Aggiunta del disco fisico

Aggiungiamo la risorsa disco direttamente del gestore delle macchine virtuali

2 – Individuazione del nuovo device sulla macchina linux

Per rendere visibile il nuovo disco alla macchina Linux è necessario riavviarla, oppure eseguire una scansione dell’hostbus a cui il disco è collegato. L’operazione assolutamente non distruttiva viene eseguita lanciando il comando

echo “- – -” > /sys/class/scsi_host/host#/scan

dove al posto del # inseriamo il nome del nostro device. Se non siamo sicuri possiamo eseguire la scansione di tutti i devices elencati tramite

ls /sys/class/scsi_host/

Con il comando

fdisk -l

individuiamo il nome del nuovo disco. Nel nostro caso è /dev/sdb

3 – Creazione della partizione di tipo LVM

Utilizziamo fdisk per verificare che il disco non è partizionato e procediamo al partizionamento. I comandi da impartire da root sono:

fdisk /dev/sdb (sostituiamo ovviamente sdb con il nome del nostro device)

p stampa a monitor la tabella delle partizioni corrente in modo da verificare che ci troviamo sul disco nuovo
n crea la nuova partizione – tipo primario con primo e ultimo cluster predefinito
t cambia il tipo di partizione in Linux LMV (codice 8e)
w salva le modifiche fatte.

4 – Creazione del physical volume

Inizializziamo la partizione per l’uso con LVM con

pvcreate /dev/sdb1

5 – Creazione del volume group

Creiamo all’interno del physical volume un volume group che chiamiamo vol00 con

vgcreate vol00 /dev/sdb1

6 – Creazione del logical volume

Finalmente possiamo creare il volume logico all’interno del gruppo vol00, utilizzando il 100% dello spazio libero disponibile. Chiamiamo il nuovo volume “dati” con

lvcreate –name dati -l 100%FREE vol00

7 – Formattazione

A questo punto possiamo formattare il volume con

mkfs.xfs /dev/vol00/dati

e montarlo momentaneamente sulla cartella /mnt/dati con

mount /dev/vol00/dati /mnt/dati

o definitivamente aggiungendo in /etc/fstab la seguente riga:

/dev/vol00/dati /mnt/dati xfs defaults 0 0

 

Una risposta a “Aggiunta di un disco ad una macchina linux con lvm”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *